L'OPERA VOLUTA DALLA VERGINE

La Vergine stessa ha voluto la fondazione dell’Opera chiamata SACRI e in varie apparizioni, successive a quella del 12 aprile 1947, ha detto a Bruno Cornacchiola:

“La tua fedele sposa e altre centinaia di persone entreranno nell’Ovile Santo. Il mezzo che adopero sei tu con scopi che ti dirò insieme al metodo da seguire. Unitevi nell’amore di Dio, fate una regola sola, l’Evangelo, per diventare un altro Lui, Cristo. I laici uniti in un solo credo devono molto lavorare per preparare i cuori alla salvezza. Schieratevi tutti sotto il vessillo del Cristo: la Croce. È una nuova prova d’amore, una vera crociata di unità e di carità. Necessitano molte anime apostoliche, arditi di verità e d’amore. Questi dovranno far conoscere i tempi. Mettete in pratica le opere di misericordia. Avanti tutti alla riscossa. La salvezza è camminare nella Parola di Dio. Fate conoscere Gesù, tornate alla vera sorgente di vita, portate anime a Cristo, non fate distinzione di ceto. Vivete tutti in un’unica famiglia, date esempio che siete di Cristo Re”.

“I laici uniti in un solo credo devono molto lavorare per preparare i cuori alla salvezza. Schieratevi tutti sotto il vessillo del Cristo: la Croce. È una nuova prova d’amore, una vera crociata di unità e di carità. Necessitano molte anime apostoliche, arditi di verità e d’amore.”.
La Vergine della Rivelazione a B. Cornacchiola